Curiosità – Proverbi e detti popolari

La tradizione orale ha tramandato numerosi proverbi e detti popolari che, anche se spesso non sono originali o caratteristici della zona, rappresentano ugualmente un piccolo patrimonio di cultura locale che non deve andare disperso. Sono nati dall’osservazione dei fenomeni atmosferici,dalla ripetitività di certe manifestazioni ed anche da una vena di sottile umorismo che consente di prendere in giro anche se stessi e il proprio paese.
Ecco i proverbi che segnaliamo:

  • “Chi trop el studia mat al diventa ma chi non studia porta la brenta”;
  • “Se al laurà l’è ‘n bel mestèe, al la fa al sci&#252r;”;
  • “Chi pò mazza il bò chi no pò al la laga giò”;
  • “A mè an al cù al fa scagn”;
  • “Da Natàl a l’Epifania se fa minga ecunumia”;
  • “Mars pulverent porta segal e furment”;
  • “Abríl, tuc i dì ‘n barìl”;
  • “Quant i níguli i fa la lana, l’acqua l’è poch luntana”;
  • “Quant al fioca de fevrè al fa bel d’est&agrave”;
  • “Quant al ciof al dì de l’Assensa per quaranta dì an sè minga senza”
  • “Dio me na guardi de fulmàn e de trùn e de tut i abitànt de Castiùn”;
  • “Castiùn brusegù, Pustales da tri cantù, braga larga da Pulàgia, biancherie e pulizia da Berbèn”;